IW0FKO 1

IW0FKO 1
... le mie esperienze, la mia passione ....

domenica 15 gennaio 2023

Buon compleanno A.R.I. Portici!

Gli amici della sezione A.R.I. di Portici, nella pubblicazione del loro bollettino periodico, ci hanno omaggiato con un articolo molto interessante sul lavoro svolto in campo A.P.R.S. nel Lazio e non solo .....


giovedì 20 ottobre 2022

SMS e MAIL via APRS

L'invio di SMS o Email sono un servizio offerto alla nostra comunità da associazioni no-profit, che vivono solo  grazie a donazioni.

Essendo l'A.P.R.S. per sua natura, un sistema radio nato per far fronte in situazioni di emergenza, la possibilità di comunicare via radio, inviando SMS o E-mail è fondamentale in un contesto in cui questi servizi notoriamente collassano e non sono più raggiungibili con strumenti dedicati (pc o smartphone).

Per l'invio di una email bisogna interrogare i server EMAIL o EMAIL-2. Io ho lavorato su entrambi i server, anche se nell'indicazione sotto riportata il test è eseguito su EMAIL 

Il terminale da me usato è stato UiView 32, ma per queste operazioni è sufficente un qualsiasi rtx dotato di messaggistica (D700, D710, FT400, TH72, THD7, etc)

1 nel campo TO: EMAIL

2 nel campo TEXT : INDIRIZZO EMAIL (spazio) PICCOLO TESTO

Il server vi aggiornarà con una notifica che vi informa del corretto invio


E questo è il risultato ricevuto sul browser di posta elettronica ......

 

Per quanto riguarda invece il servizio SMS, questo purtroppo è operativo solo su alcuni paesi, tuttavia dall'Italia è possibile quantomeno inviare un SMS all'indirizzo di un utente fuori dal nostro paese.


La sintassi corretta per l'invio di un messaggio SMS, sempre tramite un terminale adibito all'invio e ricezione di messaggi è:

1 nel campo TO: SMSGTE

2 nel campo TEXT: @PREFISSOSTATO_NUMEROTELEFONICO (spazio) BREVE TESTO

                            es. @+44333333333 de IW0FKO   

3 il campo DIGI è ininfluente

 

L'utente che riceverà il vostro SMS avrà facoltà di rispondere direttamente al numero che gli compare, il sistema farà recapitare il replay all'interno della cartella messaggi presente nel vostro terminale radio.

Ulteriori approfondimenti li trovate agli indirizzi:

https://smsgte.org/

http://www.aprs-is.net/Email.aspx





venerdì 30 settembre 2022

Simboli e S.S.I.D. A.P.R.S. generici

Quanto segue sono simboli e S.S.I.D. di base, quelli comunemente usati dai sistemi, a indicare l'attività svolta secondo quanto riportato nel nuovo paradigma A.P.R.S. del 2009.

L'A.P.R.S. è un sistema nativo per operare in condizioni di emergenza, l'importanza dei simboli è dei relativi S.S.I.D. è alla base del sistema stesso, alterarli con icone di "fantasia" o S.S.I.D. inappropriati rende solo difficile la consultazione o la ricerca per "chiave" su mappa o sui siti dedicati,  da parte di chi opera nella esplorazione di un determinato sistema.

Ultima cosa, non meno importante è il settaggio dei tempi di lavoro. Sistemi digipeater come quelli della Microsat, hanno immagino erroneamente, di default un settaggio beacon RF di soli 5 minuti, un digipeater dovrebbe averlo settato a 60 minuti o in situazioni in cui il link con un Igate è instabile, anche 30 minuti, ma non meno! Va ricordato che un digipeater lavora al meglio nel silenzio, il suo lavoro è ascoltare, inutili trasmissioni (perchè sono inutili), in tempi stretti, generano solo disturbi all'intero sistema, parliamo di pacchetti che rimbalzano per anche centinaia di chilometri, a discapito di stazioni molto più deboli, che spesso vengono da questi disturbati e coperti all'ascolto dei digipeater. Quando configurate un vostro dispositivo, non limitatevi ad inserirgli solo il call e le coordinate, controllate tutti i parametri nel loro insieme.

Adeguarsi a quanto suggerito dall'organo di controllo www.aprs.org significa operare nel rispetto e la serietà del sistema, per noi Radioamatori questo dovrebbe essere pane quotidiano.

 

Questa icona rappresenta un Igate "puro", ovvero un sistema che in RF riceve solo ed immette verso il server, quindi NO two way in RF. Il suo SSID è -10


 

 

 

Questa icona rappresenta un Digipeater ma anche un Digipeater e Igate, la lettera al suo interno può variare a seconda del dispositivo usato o per indicare alternativamente Digi o Igate. Il suo SSID è -1 -2 -3 -4 in casi eccezionali viene suggerito anche -15 mentre il SSID -2 può anche identificare digi in HF o in 430MHz





Questa icona rappresenta il client, l'utente, questo simbolo può variare di colore, il blu indica HF il suo SSID è -0




Questa icona rappresenta la stazione mobile, il veicolo, l'immagine qui rappresentata è standard, tuttavia la si può personalizzare con altre icone che rappresentano il mezzo da voi usato,  jeep, van, pick up, moto, camion, etc. il suo SSID è - 9 ma anche -8 se auto secondaria, -14 camion, -15 van.

 

 

 

Questa icona rappresenta una stazione in portatile,  generalmente escursionismo, sono considerate stazioni portatili tutte quelle che, indipendentemente da dove le usate, lavorino con antenna interna (es. un ssid -7 con icona di auto, significa un rtx portatile con propria antenna all'interno di un veicolo ), il suo SSID è -7




Questa è l'icona che rappresenta le stazioni meteo che inviano telemetrie meteo via RF, quindi in rete. Il suo SSID è -13





 Questa è l'icona che di default l'applicazione aprsdroid o similari applicano per identificare l'utilizzo di questo sistema. L'applicazione inserisce automaticamente anche il SSID -5  il quale identifica che il client utilizza una rete (tra l'altro proprietaria) diversa da quella radioamatoriale.

lunedì 13 giugno 2022

A.P.R.S. con Android e Baofeng

Un sistema semplice, economico e sopratutto funzionale, è interfacciare l'app APRSDROID con un ricetrasmettitore che abbia la funzione VOX integrata. 

Io ho usato il classico ed inossidabile Baofeng UV5 R, ed uno smartphone recuperato. Vediamo i semplici passaggi:

 

APRSDROID questa applicazione dal costo una tantum di 2€, la si può scaricare dal PlayStore

L'onnipresente BAOFENG UV5 R  su cui impostiamo frequenza 144.800 o 432.500 (entrambe adebite ad uso A.P.R.S.) ed abilitiamo il VOX con un valore di 3

.... ed il cavetto dati che andrà a collegare lo smartphone su cui è installato APRSDROID all'RTX (il baofeng per l'appunto).

Questo cavo può semplicemente essere costruito utilizzando un cavo a 3 vie, 3 jack (2,5 - 3,5 stereo e 3,5 stereo per ingresso smartphone), oppure acquistato già pronto per l'uso. In merito a questo cavo ci sono molte scuole di pensiero, io ho usato solo cavo e jack, senza ponticelli con resistenze o condensatori. Per correttezza riporto anche un datasheet in cui è riportato lo schema dei collegamenti

A questo punto non resta che configurare la vostra app APRSDROID inserendo i vostri dati, personalizzare i parametri ed avviarla unitamente al vostro RTX.

Questa combinazione oltre ad essere molto economica (un rtx portatile che svolge la funzione aprs costa oltre i 400€) è anche molto versatile in tutte quelle condizioni campali in cui c'è bisogno di avere una copertura sicura in A.P.R.S. Io lo uso nelle mie passeggiate, escursioni,  in bici,  oppure quando sono in moto visto che il setup che ho in auto sarebbe troppo ingombrante.

La funzione dello smartphone è limitata a quella di un tnc con GPS, non necessita quindi di una scheda telefonica, il suo lavoro lo svolge tranquillamente così, abitualmente vengono usati per lo scopo proprio smartphone di recupero.

IGate2 è una app gratuita scaricabile da Google Play, che in sostituzione dell'app precedentemente descritta, e su uno smartphone che sia collegato a Internet (con sim o WIFI), permette l'utilizzo in modalità Igate puro (quello con ssid -10)


Buon divertimento!!!!